BASTARDI SENZA GLORIA Megavideo Streaming Megaupload Torrent

I migliori Film e le serie Tv più interessanti del momento!
   

BASTARDI SENZA GLORIA Megavideo Streaming Megaupload Torrent

Messaggioda MarioBros » 07/06/2010, 23:28

BASTARDI SENZA GLORIA

Megavideo Streaming Megaupload Torrent Movshare link Rapidshare senza blocchi e senza limiti

Genere: Guerra
Titolo originale: Inglourious Basterds
Nazione: Stati Uniti
Anno produzione: 2009
Durata: 148'
Regia: Quentin Tarantino
Cast: Brad Pitt, Diane Kruger, Mélanie Laurent, Christoph Waltz, Michael Fassbender, Julie Dreyfus, Cloris Leachman, Samuel L. Jackson, Til Schweiger, Maggie Cheung, Eli Roth
Produzione: Lawrence Bender Productions, The Weinstein Company
Distribuzione: Universal Pictures
Data uscita Home Video: 13/01/2010
Sceneggiatura: Quentin Tarantino

Immagine



ATTENZIONE :





C’era una volta nella Francia occupata dai nazisti...
Un manipolo di soldati ebrei americani, “i bastardi”, sono addestrati dal tenente Raine a riportare lo scalpo del maggior numero di soldati tedeschi catturati, alla maniera degli apache. La reputazione di feroci cacciatori di nazisti guadagnata sul campo di battaglia convince il comando alleato ad assegnare ai membri della squadra una missione tanto delicata da poter determinare le sorti stesse del conflitto. Il piano, che prevede la complicità di una stella del cinema tedesco, si sovrappone al progetto di vendetta della giovane ebrea Shosanna, unica sopravvissuta allo sterminio della propria famiglia, diventata proprietaria di una sala cinematografica a Parigi sotto falsa identità...

A very talented cameramen, Antonio Margheriti
Da anni girava la voce che Tarantino intendesse omaggiare ancora più apertamente il cinema italiano di genere, con un film di guerra ispirato a Quel maledetto treno blindato di Enzo Castellari. Nessuno si aspettava un remake, e così non è stato. Il regista italiano, che appare in un cameo, è il primo a riconoscerlo. Ciò non toglie che alcune delle trovate più riuscite dei Bastardi edizione 2009 trovino nel film di Castellari la loro diretta matrice creativa. Al solito, come sappiamo è poi l’intero cinema di genere a entrare nella macchina tritatutto postmodernista di Tarantino: dallo spaghetti-western ai film di cappa e spada, dai b-movies di arti marziali al fumetto pulp. Ciò che sorprende qui è la minuziosità maniacale nella ricostruzione d’ambiente per un’operazione che corre su binari ben lontani dal realismo storico.
L’ambizione paradossale di Tarantino sembra essere sempre più quella di voler ri-fare il cinema di genere, equipaggiandolo con una messinscena cronometrica e persuasiva, quasi iperrealista, eliminando quanto di grossolano e grottesco - vuoi per ristrettezze economiche, vuoi per esuberanza anarcoide - quel modello produttivo inevitabilmente accoglieva. A costo, talvolta, di tradire proprio lo spirito profondo del cinema di genere degli anni ‘70, la vitalità e il calore analogico dell’approssimazione che qualche finto strappo alla pellicola realizzato in post-produzione non é sempre in grado di restituire.

Teatri di guerra
Dalla sua, Bastardi senza gloria ha l’indubbia qualità di tenere incollati alla poltrona per tutti i suoi 153 minuti di durata, in uno stillicidio di tensione solo in parte attenuato da intermezzi macchiettistici. Il detonatore della carica ansiogena della vicenda sta nel costante camuffamento d’identità dei personaggi e nella minaccia incombente di venire scoperti per ciò che sono realmente. Il gruppo dei bastardi, le spie sotto copertura, la proprietaria del cinema (così com’era Mr.Orange, il poliziotto infiltrato di Reservoir Dogs), sono interpreti di un film nel film, attori in territorio nemico costretti a intrattenere un pubblico difficile, recitando il loro ruolo migliore di sempre, pena il fallimento del piano e verosimilmente la morte. Guardando da un’opposta prospettiva, viene in mente la “finta” alla Tenente Colombo, quel suo modo sfibrante di giocare al gatto col topo. Dopo aver fiutato la preda, Colombo lo avvicina con modi cortesi, lo solletica con domande apparentemente innocue e poi, proprio sul punto di andarsene, torna sui suoi passi e rivela al malcapitato un qualche dettaglio che lo inchioderà.
Se il colonnello nazista Hans Lada - Christoph Waltz in una memorabile interpretazione poliglotta - incarna la spietatezza del segugio alla Colombo, il rischio di essere scoperti è sempre dietro l’angolo: basta anche una parola di troppo per tradirsi, una stortura d’accento.
Veniamo così alla vera intuizione del film, la scelta multi linguistica che, oltre ad obbligare (speriamo) i distributori italiani all’adozione dei sottotitoli, è utilizzata da Tarantino in chiave narrativa, con risultati talvolta esilaranti, come nel caso dell’italiano maccheronico improvvisato da Brad Pitt, giocando sulla scioltezza di cavarsela con le lingue straniere e sulla difficoltà di renderne le sottigliezze di pronuncia.
Dopo Kill Bill e GrindHouse – A prova di morte, ancora uno studio sulla pianificazione e messa in opera della Vendetta, al centro di questo pulp in salsa fanta-storica. Una vendetta che, da personale e femminile, si fa, nel caso dei bastardi senza gloria, nemesi collettiva e asessuata, castigo necessario e irrinunciabile per riparare al male assoluto e dilagante. A rendere più intricata la faccenda c’è poi il ruolo del cinema stesso, che diventa l’arma invincibile e finale, il V2 nelle mani dei resistenti. Detto ciò, non si immagini neanche lontanamente che l’ex enfant terrible abbia messo la testa a posto e confezionato un film classicamente misurato; la citazione sempre in agguato, la bidimensionalità cartoon dei personaggi, l’ironia nel costruire le sequenze come una sfilza di lunghe, estenuanti scene-madri dal sapore teatrale, ci rimettono continuamente sulla pista giusta e Bastardi senza Gloria ci appare per ciò che è: un formidabile congegno ammazza-nazisti, un po’ nello spirito allegramente partigiano della coppia Belushi-Akroyd, lanciata con la Bluesmobile sul corteo degli odiati nazisti dell’Illinois.
Avatar utente
MarioBros
Amministratore
 
Messaggi: 698
Iscritto il: 29/12/2009, 14:27
Località: Italia


Metodo 2 :




Metodo 3


Torna a Film

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti