CODICE GENESI Megavideo Streaming Megaupload Torrent link

I migliori Film e le serie Tv più interessanti del momento!

CODICE GENESI Megavideo Streaming Megaupload Torrent link

Messaggioda MarioBros » 07/06/2010, 23:35

CODICE GENESI

Megavideo Streaming Megaupload Torrent Movshare link Rapidshare senza blocchi e senza limiti

Genere: Fantascienza
Titolo originale: The Book of Eli
Nazione: Stati Uniti
Anno produzione: 2010
Durata: 118'
Regia: Albert Hughes, Allen Hughes
Cast: Denzel Washington, Mila Kunis, Gary Oldman, Jennifer Beals, Ray Stevenson, Michael Gambon, Evan Jones, Tom Waits, Frances de la Tour, Chris Browning
Produzione: Alcon Entertainment, Silver Pictures
Distribuzione: 01 Distribution
Sceneggiatura: Gary Whitta
Uscita americana: 15 gennaio 2010
Uscita italiana: 26 febbraio 2010

Immagine



ATTENZIONE :





Cronache del dopobomba
A trent'anni dall'ultima guerra, il pianeta è ridotto a una landa desolata e senza legge, con i pochi superstiti costretti a nascondersi dalla minaccia del cannibalismo. I più giovani, nati dopo l'apocalisse e spesso analfabeti, non hanno coscienza del mondo precedente.
In questo contesto si muove Eli, viaggiatore pacifico e solitario, che usa la violenza solo coma arma di difesa e ha intrapreso un lungo cammino verso ovest. Porta un libro, con sé; un libro che legge tutti i giorni, e che protegge con la sua stessa vita. Ma Carnegie, spietato boss di una cittadina sorta in mezzo al nulla, conosce il potere di quel testo, e farà di tutto per averlo...

Una (post)apocalisse spirituale
Non dev'essere un caso se il cattivo Ray Stevenson, luogotenente dell'ancor più cattivo Gary Oldman, seguita a fischiettare ossessivamente un motivo di Ennio Morricone, sullo sfondo desolante e terroso di un'America devastata. D'altronde The Book of Eli non è altro che un western post-apocalittico, calato in un mondo che una guerra misteriosa ha riportato al grado zero, quello del vecchio west per l'appunto, dove vige la legge dell'homo homini lupus e la pratica del cannibalismo richiama alla mente La strada di Cormac MacCarthy. Ma il film dei fratelli Hughes, tornati alla regia nove anni dopo l'ottimo From Hell, viaggia su binari alquanto diversi, e concentra l'attenzione su un eroe che potremmo definire "spirituale". Nulla a che vedere con l'irrimediabile nichilismo di un Mad Max, insomma: Eli crede nella redenzione, e, forte della sua fede, è convinto che il mondo abbia ancora un futuro, nonostante tutto. Visto in questi termini, The Book of Eli parrebbe proprio un film ottimista, anche se viene da chiedersi quanto possa essere realistico tale ottimismo, se la fiducia è tutta riposta nel potere della provvidenza e non nelle capacità umane.
L'impressione che se ne ricava è quella di un prodotto ibrido: privilegia l'approccio contemplativo, ma è costretto a pagare pegno a Hollywood attraverso l'azione, con scene che in almeno la metà dei casi appaiono estemporanee, forzate, utili per lo più a compiacere il pubblico dei blockbuster. C'è di buono, però, che quantomeno i fratelli Hughes sanno girarle bene, giocando con belle evoluzioni in continuità di ripresa e combattimenti inquadrati in campo totale, di modo che l'andamento dell'azione sia sempre chiaro agli occhi del pubblico (il montaggio nevrotico e frammentario da videoclip, tipico di molti blockbuster, è ridotto al minimo). Abili a costuire atmosfere di degrado e morte, i due sono depositari di gran parte dei meriti del film, dovuti al loro indubbio talento visivo; ma la sceneggiatura di Gary Whitta è percorsa da sin troppe suggestioni messianiche per essere presa sul serio, suggestioni che tradiscono le premesse di disillusione e disperazione in favore di una spiritualità edulcorante. Anche se, va detto, il discorso sul potere manipolatorio delle sacre scritture resta interessante: se nella distopia di Fahreneit 451 i libri venivano cercati e distrutti per annullare il pericolo dell'espressione individuale, nella cronaca post-atomica di The Book of Eli rappresentano invece l'unica speranza per conservare quel poco di umanità rimasta nel mondo.
Di gran classe la coppia di antagonisti, anche se Gary Oldman si fa preferire a Denzel Washington: i suoi virtuosismi da villain sono sempre impagabili.
Avatar utente
MarioBros
Amministratore
 
Messaggi: 698
Iscritto il: 29/12/2009, 14:27
Località: Italia


Metodo 2 :




Metodo 3


Torna a Film

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron