DAYBREAKERS Megavideo Streaming Megaupload Torrent Movshare

I migliori Film e le serie Tv più interessanti del momento!

DAYBREAKERS Megavideo Streaming Megaupload Torrent Movshare

Messaggioda MarioBros » 09/06/2010, 0:21

DAYBREAKERS - L'ULTIMO VAMPIRO

Megavideo Streaming Megaupload Torrent Movshare link Rapidshare senza blocchi e senza limiti

Genere: Fantascienza
Titolo originale: Daybreakers
Nazione: Australia, Stati Uniti
Anno produzione: 2009
Durata: 96'
Regia: Michael Spierig, Peter Spierig
Cast: Ethan Hawke, Willem Dafoe, Sam Neill, Isabel Lucas, Vince Colosimo, Jay Laga'Aia, Claudia Karvan, Christopher Kirby, Michael Dorman, Mungo McKay, Emma Randall, Paul Sonkkila
Produzione: Furst Films, Pictures in Paradise, Lionsgate, Pacific Film and Television Commission
Distribuzione: Mediafilm
Sceneggiatura: Michael Spierig, Peter Spierig
Uscita americana: 8 gennaio 2010
Uscita italiana: 26 marzo 2010

Immagine



ATTENZIONE :





"Bentornato all’umanità, ora dovrai morire!"
È il 2019. Il processo di vampirizzazione è ormai quasi completato e sull’intero globo terrestre si contano pochi esseri umani rimasti, organizzati in piccoli nuclei di resistenza al vampirismo. Edward Dalton (Ethan Hawke) è uno scienziato alla ricerca di un composto sintetico in grado di sopperire alla mancanza di sangue umano. Dopo un incidente stradale, offre il suo aiuto a un gruppo di umani, tra cui Audrey (Claudia Karven), che lo porterà da Lionel “Elvis” Cormac (Willem Dafoe), un ex-vampiro tornato umano dopo nove anni…

Siamo tutti in cerca di un futuro…
La scena di apertura di Daybreakers – L’ultimo vampiro è clamorosa e indicativa dello stile dei fratelli Spierig (il precedente Undead, uscito con Medusa in Italia, era una parodia a metà tra l’horror e l’orrendo), pochi cenni per dare un quadro intuibile della situazione; un calendario segna un futuro molto prossimo, una bambina scrive una lettera di “dimissioni” dalla propria esistenza e si mette seduta in giardino ad aspettare l’alba di un nuovo giorno: peccato che sia un vampiro e che il gesto si tratti di un suicidio.
Non risparmiano effetti speciali al limite del trash (con teste che esplodono) e secchiate di sangue in faccia allo spettatore gli Spierig, i quali confezionano l’ennesima trattazione cinematografica sui vampiri, ma questa volta con elementi di novità e prospettive interessanti. Nei primi cinque minuti viene creato lo scenario generale della situazione, attraverso i quadri composti nei titoli di testa e nelle scene immediatamente successive: testate di giornali e cartelloni pubblicitari di un mondo affine al nostro, ma con qualcosa di ribaltato. Di giorno strade deserte, pochi temerari a sfidare la luce del sole bardati di tutto punto e con protezioni e schermature eccessive. Di notte, la vita (o non-vita) di un’umanità non più tale a livello globale, vampirizzata ma non per questo ghettizzata. Anzi, il fascino di questa storia sta proprio nel ribaltamento completo della situazione in cui solitamente sono inseriti i vampiri: qui sono loro la maggioranza, mentre gli esseri umani, ridotti in stile Matrix a meri corpi agganciati a macchine succhiasangue (una velata critica alle varie corporation senza limiti), finiscono braccati e cacciati per rifornire le scorte di sangue umano, ormai quasi del tutto esaurite.
In questa prospettiva speculare del normale andamento delle cose ai giorni nostri, ma in notturna, la figura dello scienziato vampiro, che rifiuta di nutrirsi di sangue umano, sembra fin troppo caratterizzata da eroismo, anche se Ethan Hawke (Gattaca, The Hottest State – L’amore giovane) cerca in tutti i modi di instillare una sorta di conflitto interiore nel suo personaggio, lasciando spesso trasparire un senso di inadeguatezza e di non-appartenenza al mondo dei vampiri. Intorno a lui, vagano per lo schermo un Willem Dafoe (The Boondock Saints – Giustizia finale, Spider Man, Antichrist) un po’ gigione, più propenso alla battuta che non alla salvezza dell’umanità; l’affascinante, ma mono-espressiva, Claudia Karvan (Aquamarine); un cattivissimo Sam Neill (Jurassic Park, Il seme della follia), vampiro nell’anima ancor prima che nell’aspetto e icona per eccellenza di un mondo alla rovescia, in cui però il profitto rimane la priorità, anche a rischio di perdere l’ultima traccia di umanità non solo dentro di sé (rimane indifferente al destino della figlia), ma anche sulla faccia della Terra.
È interessante la propensione alla vita e alla mortalità per un essere che non ha più nulla da temere, se non l’involuzione della specie (in “sottovampiri” o vampiri primordiali, esseri senza la facoltà di ragionare alla ricerca disperata di sangue) per mancanza di sangue umano: i registi rendono bene il contrasto e gli svantaggi di una vita sì immortale, ma oscura, senza riflessi (soprattutto negli specchi) e senza sole (visto solo attraverso le immagini delle videocamere poste sui tettucci delle auto) né calore umano. Non si risparmiano scene assolutamente splatter, quasi al limite del sopportabile, degne del miglior Miike per quantità, ma troppo fini a se stesse. Davvero apprezzabile l’attenzione ai dettagli, che rendono il mondo dei vampiri di Daybreakers così vicino e così lontano allo stesso tempo.
Un horror senza particolari pretese, con qualche dettaglio sublime e parecchie discese negli abissi della cinematografia, ma resta comunque con un'accettabile parvenza di originalità nella trama.
Avatar utente
MarioBros
Amministratore
 
Messaggi: 698
Iscritto il: 29/12/2009, 14:27
Località: Italia


Metodo 2 :




Metodo 3


Torna a Film

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron