MASCHI CONTRO FEMMINE Megavideo Streaming Megaupload Torrent

I migliori Film e le serie Tv più interessanti del momento!

MASCHI CONTRO FEMMINE Megavideo Streaming Megaupload Torrent

Messaggioda MarioBros » 08/11/2010, 20:56

MASCHI CONTRO FEMMINE Megavideo Streaming Megaupload Torrent Movshare link Rapidshare senza blocchi e senza limiti

Genere: Commedia
Titolo originale: Maschi contro femmine
Nazione: Italia
Anno produzione: 2010
Durata: 113'
Regia: Fausto Brizzi
Cast: Paola Cortellesi, Fabio de Luigi, Sarah Felberbaum, Chiara Francini, Lucia Ocone, Francesco Pannofino, Alessandro Preziosi, Paolo Ruffini, Carla Signoris, Nicolas Vaporidis, Giorgia Wurth, Claudio Bisio, Nancy Brilli, Giuseppe Cederna, Luciana Littizzetto, Emilio Solfrizzi
Produzione: IIF in collaborazione con Rai Cinema
Distribuzione: 01 Distribution
Sceneggiatura: Fausto Brizzi, Marco Martani, Massimiliano Bruno, Pulsatilla
Uscita: 29 ottobre 2010

MASCHI CONTRO FEMMINE



ATTENZIONE :





MASCHI CONTRO FEMMINE Megavideo Streaming Megaupload Torrent Movshare link Rapidshare senza blocchi e senza limiti

Adulterio e castigo
Storie intrecciate di amori e tradimenti.
Walter è un allenatore di pallavolo che, dopo la nascita del primo figlio, e in seguito alla scarsa attitudine della moglie a "concedersi", si arrende alle lusinghe della sua giocatrice più forte, da tempo innamorata di lui; saranno guai.
Chiara e Diego sono vicini di casa, completamente opposti: lui è un donnaiolo superficiale che gestisce un disco-pub, lei un'attivista per la difesa degli animali che lavora come infermiera; nonostante i contrasti e le reciproche prese in giro, Chiara si rivelerà essere proprio la donna "adatta" a lui.
Marta e Andrea sono amici per la pelle, ma si troveranno a competere per l'amore della stessa ragazza, che ancora non ha certezze sui suoi gusti sessuali.
Nicoletta, madre di Andrea, divorzia dal marito dopo averlo sorpreso in flagranza di adulterio, e precipita in una crisi di mezza età che la spinge verso la chirurgia plastica. Sempre che le attenzioni di Renato, collega un po' impacciato ma sensibile, non le facciano cambiare idea...

E siamo solo alla prima metà...
Nel 1989, sullo sfondo di una New York in stato di grazia, Rob Reiner e Nora Ephron raccontarono il duello fra i sessi in una piccola storia di amore e amicizia, giocando con i topoi del maschile e del femminile in una rincorsa di battute, schermaglie, umorismo brillante e riferimenti alla sessualità mai così espliciti e garbati al contempo. Era l'alba della commedia romantica moderna, e il film in questione, quel gioiellino di Harry ti presento Sally, si è poi affermato come uno dei più grandi modelli per il genere.
Oggi, purtroppo, Fausto Brizzi crede ci sia ancora qualcosa da dire sull'argomento, e nel suo doppio progetto cinematografico - dal titolo sin troppo palese, Maschi contro femmine il primo e Femmine contro maschi il secondo - allarga il conflitto su una scala più vasta e solo apparentemente sfaccettata, in un tessuto di liaison i cui fili s'intersecano coerentemente con i rapporti di amicizia, parentela o semplice conoscenza fra i vari protagonisti. Un'opera corale insomma, nella forma di un dittico che, all'interno del primo episodio, introduce come comparse, o come figure secondarie, i personaggi che nel secondo capitolo ricopriranno i ruoli principali.
L'idea in sé non è neanche malvagia, quantomeno perché inusuale nel panorama italiano, e a Brizzi va riconosciuto il tentativo di dare un respiro più ampio alle storie che racconta, contaminando lo humour e lo pseudo-romanticismo con il dramma sportivo e addirittura l'avventura ecologica. Maschi contro femmine, in effetti, sorprende - nel bene e soprattutto nel male - per il dispiego di mezzi e per la presenza di effettini digitali estremamente kitsch, come se Brizzi avvertisse l'esigenza di differenziarsi a tutti i costi dalla media delle produzioni italiane; una confezione ricca (o meglio, riccamente frivola) cui però non giova la povertà del contenuto, che anzi finisce per apparire ancor più inadeguato alle ambizioni del regista.
Il punto è, in buona sostanza, che non solo Maschi contro femmine non dice nulla di nuovo, ma riesce persino a dirlo peggio. L'assoluta mancanza di tempi comici degni di questo nome, e insieme l'imbarazzante prevedibilità delle gag, si accompagnano a un carosello di cliché e luoghi comuni che non vengono mai messi in discussione, né parodiati, ma semplicemente imposti agli spettatori, quasi ci fosse il malsano desiderio di alimentarli. Una comicità ancora fossilizzata sui doppi sensi da oratorio, diluita in una "guerra" che non ha vincitori né vinti: semplicemente, nella sceneggiatura del team Brizzi-Martani-Bruno-Pulsatilla, sia gli uomini sia le donne restano pietrificati nella loro mediocrità, i primi ritratti come immancabili e decerebrati fedifraghi, le seconde alla stregua di vittime prive di personalità. Mentre le eccezioni, come i personaggi di Giuseppe Cederna e Carla Signoris, sono troppo stereotipate per essere credibili.
Cast sprecato di buoni caratteristi, per un progetto che, già sui titoli di coda, minaccia l'arrivo del secondo episodio: ahinoi.
Avatar utente
MarioBros
Amministratore
 
Messaggi: 698
Iscritto il: 29/12/2009, 14:27
Località: Italia


Metodo 2 :




Metodo 3


Torna a Film

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron